Emotivi anonimi

ven_30_03 ore 21,15

GENERE: Commedia
REGIA: Jean-Pierre Améris
ATTORI: Isabelle Carré, Benoît Poelvoorde, Lorella Cravotta, Lise Lametrie, Swann Arlaud, Pierre Niney, Stéphan Wojtowicz, Jacques Boudet
MUSICHE: Pierre Adenot
PAESE: Belgio, Francia 2011
DURATA: 80 Min

Sito Italiano






Trama
Jean-René, direttore di una fabbrica di cioccolato e Angélique, cioccolataia di gran talento, sono due persone molto timide. E' la loro passione per il cioccolato che li accomuna. Si innamorano l'uno dell'altro senza avere il coraggio di confessarlo. La loro timidezza tende a tenerli lontani. Ma supererà la loro mancanza di fiducia in se stessi, il rischio di rivelare i propri sentimenti.

Recensione
Hollywood e anche una certa letteratura americana ci hanno detto tutto (o quasi) degli 'alcolisti anonimi' e delle associazioni che, con questo programma, li radunano, li assistono e, qualche volta, li risanano. Non si sapeva, però (o, almeno, io non lo sapevo) che esistessero anche associazioni per emotivi. Ce lo dice ora questo film francese scritto e diretto da Jean-Pierre Améris, un autore che, di solito, anziché nelle nostre sale, si può incontrare soprattutto nei festival. 'Emotivi anonimi', dunque. Le loro timidezze, le loro ansie, le loro paure pronte a degenerare spesso in vere e proprie fobie. (...) Sia nei confronti dei personaggi principali, rappresentati ad ogni svolta con affettuosa comprensione, sia nei confronti di tutte le situazioni che ce li propongono, li seguono e poi li portano a conclusione con grazia. In cifre in cui quella cronaca (scopertamente di provincia) si mescola alla favola, naturalmente senza tradire i dati reali, ma furbescamente vestendoli di note sospese, lievi anche quando si sosta, senza ostacolare comunque la scioltezza dei ritmi narrativi, su tutti i tentennamenti e le angosce malate dei protagonisti. Vi danno volto due interpreti di seria qualità, Isabelle Carré, che è Angélique, Benoît Poelvoorde che è il proprietario della fabbrica di cioccolata. Stanno bene insieme, difatti si legge nelle filmografie di entrambi che hanno già recitato in coppia. La loro impresa non era facile: recitare da 'emotivi' non è una passeggiata.
Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo Roma', 23 dicembre 2011