Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2019

Tolo Tolo

Dom 26_01 ore 15:00
Genere: Commedia
Anno: 2020
Regia: Checco Zalone
Attori: Checco Zalone, Souleymane Silla, Manda Touré, Nassor Said Birya, Alexis Michalik, Arianna Scommegna, Jean Marie Godet, Antonella Attili, Nunzio Cappiello, Gianni D'Addario, Eduardo Rejón, Nicola Nocella, Fabrizio Rocchi, Diletta Acquaviva, Maurizio Bousso, Sara Putignano, Barbara Bouchet, Nicola Di Bari, Francesco Cassano
Paese: Italia

TRAMA
Tolo Tolo, il film diretto da Checco Zalone, narra la tragicomica storia di Checco (Zalone), uomo che ama sognare in quel di Spinazzola, in Puglia.
Dopo un fallimentare tentativo di trapiantare la cultura del sushi in terra carnivora, Checco fugge oberato dai debiti e tampinato da famiglia ed ex-mogli, incauti finanziatori dei suoi goffi sogni imprenditoriali.
Si rifugia da cameriere in un resort africano, a confidarsi con l'amico e collega del posto, Oumar (Souleymane Sylla), che sogna l'Italia e adora il cinema neorealista italiano.
Dentro di sé, Checco si sente più vicino ai tanti ricconi italiani che deve servire nell'hotel. Il suo equilibrio è decisamente precario, e si spezza quando la guerra civile spazza via tutto e spinge Checco e Oumar prima nel villaggio di quest'ultimo, poi direttamente sulla rotta per l'Europa: bus precari, deserto, passaggi fortunosi, momenti di pace, guerriglia, carceri e attraversamento del Mediterraneo.
Checco non vuole saperne di tornare dove lo attendono al varco debiti e fallimenti, anzi: sogna di ritornare in Europa ma di trasferirsi nel Liechtenstein!
Non avrà però altra scelta che farsi trascinare, perché si è innamorato di Idjaba (Manda Touré), anche lei in fuga in compagnia di suoi figlio Doudou (Nassor Said Birya), che lo ha preso in simpatia nonostante la sua insofferenza molto occidentale per la situazione.
In particolare, l'assenza di farmacie e adeguati cosmetici per la pelle si fa sentire. Mentre in patria pugliese lo danno per disperso e qualcuno spera persino che muoia per un colpo di spugna ai debiti, Checco attraversa realtà più e meno crudeli dell'Africa, aiutato anche da un irritante e piacione reporter francese, Alexandre Lemaitre (Alexis Michalik). Chi sarà dalla sua parte fino alla fine? Chi rimarrà con lui in Italia? Ma soprattutto: come si fa a trovare un Imodium in Africa?
(comingsoon.it)

PANORAMICA
Tolo Tolo, che in origine doveva intitolarsi "L'amico di scorta", è un film importante nella carriera di Luca Medici in arte Checco Zalone, perché segna il suo debutto alla regia, dopo quattro lungometraggi da lui scritti insieme a Gennaro Nunziante, che poi li diresse: Cado dalle nubi (2009), Che bella giornata (2011), Sole a catinelle (2013) e Quo Vado? (2016). C'è un cambiamento sensibile anche in sceneggiatura, perché Zalone ha scritto il film con Paolo Virzì, che non collaborava al copione di un'opera non sua dai tempi di L'estate del mio primo bacio (2006), diretto poi da suo fratello Carlo. Produce il lungometraggio come sempre la Taodue di Pietro Valsecchi, effettivo scopritore dello Zalone cinematografico. Medici si fa forte per il suo esordio registico del riconfermato montatore Pietro Morana. Checco anche in Tolo Tolo si occupa naturalmente, come nei precedenti casi, delle musiche del film, ivi compreso il nuovo brano "Se t'immigra dentro il cuore". Da segnalare nel cast la partecipazione di Barbara Bouchet, attiva come non mai tra cinema e tv: di recente l'abbiamo vista in Metti la nonna in freezer. La lavorazione è stata particolarmente impegnativa e ha richiesto molti spostamenti: Marocco, Kenya, Roma, Bari, Latina, Acquaviva delle Fonti, Gravina di Puglia, Malta e Trieste. (comingsoon.it)


Mer 01_01 ore 18:00 e ore 21:00
Gio 02_01 ore 18:00 e ore 21:00
Ven 03_01 ore 18:00 e ore 21:00
Sab 04_01 ore 18:00 e ore 21:00
Dom 05_01 ore 15:00, ore 18:00 e ore 21:00
Lun 06_01 ore 15:00, ore 18:00 e ore 21:00
Mar 07_01  ore 21:00
Mer 08_01  ore 21:00
Gio 09_01  ore 21:00
Sab 11_01 ore 18:00 e ore 21:00
Dom 12_01 ore 15:00, ore 18:00 e ore 21:00
Lun 13_01  ore 21:00
Sab 18_01 ore 18:00
Dom 19_01 ore 15:00


Last Christmas

Ven 27_12 ore 21:00
Sab 28_12 ore 18:00 e ore 21:00
Dom 29_12 ore 15:00, ore 18:00 e ore 21:00
Lun 30_12 ore 21:00
Genere: Commedia, Drammatico
Anno: 2019
Regia: Paul Feig
Attori: Emilia Clarke, Henry Golding, Emma Thompson, Michelle Yeoh, Patti LuPone, Lydia Leonard, Jade Anouka
Paese: Gran Bretagna, USA
Durata: 103 min

TRAMA
Emilia Clarke (Game of Thrones), Henry Golding (Un piccolo favore, Crazy Rich), Michelle Yeoh ed Emma Thompson sono i protagonisti di Last Christmas, una commedia romantica scandita dalle note della musica di George Michael, diretta da Paul Feig (Un piccolo favore, Spy, Le amiche della sposa) da una sceneggiatura del premio Oscar® Thompson (Ragione e sentimento, Bridget Jones’s Baby) e dall'autrice teatrale Bryony Kimmings.Kate (Emilia Clarke) arranca per le strade di Londra, un ammasso di scelte sbagliate accompagnato dal tintinnio delle campanelle sulle sue scarpe, un'altra irritante conseguenza del suo lavoro come elfo in un negozio natalizio aperto tutto l'anno. L'entrata di Tom (Henry Golding) nella sua vita, e la sua capacità di vedere attraverso le numerose barriere di Kate, le sembra qualcosa di troppo bello per essere vero. Sullo sfondo di una Londra che si trasforma per il periodo più meraviglioso dell'anno, niente sembra funzionare per questi due. A volte, però, devi lasciare che la neve cada dove vuole, devi ascoltare il tuo cuore... e devi avere fede.

CRITICA
C'è Londra addobbata a festa, c'è una protagonista vestita da Elfo che lavora in un negozio che sembra casa di Babbo Natale. Ci sono buoni sentimenti da commedia romantica, ma anche momenti di cinismo british creati dalla penna di Emma Thompson. Ci sono, poi, le canzoni di George Michael, che hanno ispirato questo curioso ibrido per le feste, che riesce a trovare il tempo anche per denunciare la Brexit e l'ostilità della Gran Bretagna di oggi nei confronti dello straniero. Ah, c'è anche e soprattutto Emilia Clarke, mossette e occhioni compresi, che gira per la città senza meta. Fino a quando non incontra Tom, naturalmente. (Mauro Donzelli - Comingsoon.it)

Il Primo Natale

Gio 19_12 ore 21:00
Sab 21_12 ore 18:00 e ore 21:00
Dom 22_12 ore 15:00, ore 18:00 e ore 21:00
Lun 23_12 ore 21:00
Mer 25_12 ore 18:00 e ore 21:00
Gio 26_12 ore 15:00, ore 18:00 e ore 21:00
Genere: Commedia
Anno: 2019
Regia: Salvatore Ficarra, Valentino Picone
Attori: Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Massimo Popolizio, Roberta Mattei, Giacomo Mattia, Giovanna Marchetti
Paese: Italia
Durata: 100 min
TRAMA
Il Primo Natale, settimo film di Ficarra e Picone, vede protagonisti Salvo e Valentino in due vesti completamente contrapposte: ladro il primo, sacerdote il secondo.
Il palermitano Salvo è un ladro di sacre reliquie, ma non è affatto credente e vede nei suoi santi furti solo un'occasione di arricchimento. Valentino è un prete che esercita nel paesino siculo ed è fortemente affascinato dal presepe e dall'incanto che la sacra composizione suscita nei fedeli, tanto da realizzarne uno vivente nella sua parrocchia con una statua al posto di Gesù Bambino. Quando Salvo, mosso dal clamore suscitato dall'iniziativa di don Valentino, decide di rubare la statua, non si aspetta che il suo mondo ateo e quello cristiano si scontreranno in pieno.
I due si ritroveranno catapultati indietro nel tempo nella Palestina di oltre duemila anni fa, fino all'epoca, appunto, del primo Natale. Mentre si mettono alla ricerca di Giuseppe e Maria per fare in modo che la venuta al mondo di Gesù vada secondo la tradizione, Re Erode (Massimo Popolizio), intimorito dalla prossima nascita di quello che è stato definito il "Re dei Re", è sulle loro tracce. Questo viaggio fantastico e inaspettato si trasformerà in una vera e propria missione: salvare la vita a Gesù, ma sarà anche un'occasione per scoprire se stessi.
Salvo e Valentino cambieranno le sorti del Natale o riusciranno a salvare la festa più attesa dell'anno?

CRITICA
Alle prese con il loro primo film di Natale vero e proprio, Ficarra e Picone abbracciano senza remore la natura popolare e inoffensiva del loro cinema e della loro comicità, smorzando quasi del tutto la vena satirica più pungente del precedente L'ora legale. Il loro è un film rassicurante e onesto, nei modi come nelle intenzioni. Un pizzico di coraggio e di voglia di osare in più non avrebbe fatto male: ma si parla del Natale, del Natale al cinema (italiano) e le cose vanno per forza così. (Federico Gironi - Comingsoon.it)

Un Giorno di Pioggia a New York

Gio 12_12 ore 21:00 (in lingua originale 🇬🇧️ con sottotitoli in italiano)
Sab 14_12 ore 21:00
Dom 15_12 ore 18:00 e ore 21:00
Genere: Commedia, Sentimentale
Anno: 2019
Regia: Woody Allen
Attori: Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law, Diego Luna, Liev Schreiber, Kelly Rohrbach, Suki Waterhouse, Rebecca Hall, Cherry Jones, Annaleigh Ashford, Griffin Newman, Taylor Black, Kathryn Leigh Scott, Natasha Romanova, Jacob Berger
Paese: USA
Durata: 92 min

TRAMA
Woody Allen torna a Manhattan con Un giorno di pioggia a New York, una commedia romantica che racconta la storia di due fidanzatini del college, Gatsby (Timothée Chalamet) e Ashleigh (Elle Fanning), i cui piani per un weekend romantico da trascorrere insieme a New York vanno in fumo non appena mettono piede in città. I due, fin dal loro arrivo a New York, si ritrovano separati e si imbattono in una serie di incontri casuali e bizzarre avventure, ciascuno per proprio conto.
CRITICA
Come sempre, Woody Allen parla del destino. E questa volta di un destino che fa andare le cose come devono andare e permette la possibilità del riscatto e dell'espressione personale, se si è in grado di essere sinceri con sé stessi e il mondo e di apprezzare e inseguire la sua bellezza.
Proprio quando le circostanze potrebbero giustificare un abbandono al pessimismo, Allen apre la porta alla speranza. Il suo discorso e di una chiarezza serena e rasserenante, ma al tempo stesso lo spessore di quello che dice aumenta. Un giorno di pioggia a New York è quasi il suo racconto zen. (Federico Gironi - Comingsoon.it)


Sarah & Saleem

Ven 13_12 ore 21:00
Venerdì d'essai
Genere: Drammatico, Sentimentale
Anno: 2018
Regia: Muayad Alayan
Attori: Silvane Kretchner, Adeeb Safadi, Maisa Abd Elhadi, Ishai Golan, Kamel El Basha, Hanan Hillo, Jan Kuhne, Mohammad Eid
Paese: Palestina, Germania, Olanda
Durata: 127 min

TRAMA
Sarah & Saleem, il film diretto da Muayad Alayan, segue la storia extraconiugale tra Sarah (Silvane Kretchner) proprietaria di un caffè ebraico e Saleem (Adeeb Safadi) fattorino arabo. La passione segreta tra i due avrà delle conseguenze ben più importanti della crisi dei loro matrimoni, in una Gerusalemme in cui anche una storia privata tra due persone scatena conseguenze politiche e sociali di portata inimmaginabile.

CRITICA
Come Romeo e Giulietta trapiantati nella Gerusalemme dei giorni nostri, Sarah e Saleem sono i protagonisti di un una love-story che vira verso il dramma sociale, un melò in cui a un certo punto i protagonisti sono chiamati a scegliere fra sé e l'altro, fra politica e sentimento. Non giudica i suoi personaggi Muayad Alayan, e sposa le ragioni di ognuno: di chi inganna e di chi è ingannato, e rispetta la dignità di ciascuno, guadando con dolcezza e ammirazione alle donne. Lo stile è naturalistico, ma il regista muove bene la sua camera a mano, sempre più in fretta e riempiendo le sue inquadrature con un numero sempre maggiore di individui, mentre tutti si spostano e l’agitazione diventa metafora di un mondo dove regna la confusione e sta affievolendo ogni lucina-guida. (Carola Proto - Comingsoon.it)

L'ufficiale e la spia

Gio 05_12 ore 21:00
Sab 07_12 ore 21:00
Dom 08_12 ore 18:00 e ore 21:00

Genere: Drammatico, Thriller, Biografico
Anno: 2019
Regia: Roman Polanski
Attori: Jean Dujardin, Louis Garrel, Emmanuelle Seigner, Mathieu Amalric, Melvil Poupaud, Damien Bonnard, Denis Podalydès, Vincent Grass, Grégory Gadebois, Wladimir Yordanoff, Didier Sandre
Paese: Francia
Durata:126 min
TRAMA
Il 5 gennaio 1895, il Capitano Alfred Dreyfus, promettente ufficiale, viene degradato e condannato all’ergastolo all’Isola del Diavolo con l’accusa di spionaggio per conto della Germania. Fra i testimoni di questa umiliazione c’è Georges Picquart, che viene promosso a capo della Sezione di statistica, la stessa unità del controspionaggio militare che aveva montato le accuse contro Dreyfus. Ma quando Picquart scopre che tipo di segreti stavano per essere consegnati ai tedeschi, viene trascinato in una pericolosa spirale di inganni e corruzione che metteranno a rischio non solo il suo onore ma la sua vita.

CRITICA
Quello di Polanski è un cinema di un'eleganza pulita e rigorosa, senza facili dimostrazione di bravura e grande attenzione a tutti quei dettagli che fanno la differenza. L'accumulo di personaggi e sottotrame è gestito con abilità e non pregiudica mai la scorrevolezza. Nel raccontare l'affaire Dreyfus, il regista polacco trova modo di elaborare le sue classiche ossessioni tematiche, e di imporre allo stesso tempo all'attenzione del suo spettatore un chiaro atto d'accusa nei confronti di tutti i nuovi maccartismi e le rinnovate cacce alle streghe che affliggono la nostra contemporaneità. (Federico Gironi - Comingsoon.it)

Edison – l'uomo che illuminò il mondo

Ven 06_12 ore 21:00
Venerdì d'essai
Genere: Biografico, Drammatico
Anno: 2017
Regia: Alfonso Gomez-Rejon
Attori: Benedict Cumberbatch, Katherine Waterston, Tom Holland, Nicholas Hoult, Michael Shannon, Tuppence Middleton, Matthew Macfadyen, Tom Bell, Ekow Quartey, Tom Sweet
Paese: USA
Durata: 105 min
TRAMA
Benedict Cumberbatch, nei panni di Thomas Edison, e Michael Shannon in quelli di George Westinghouse sono i protagonisti di Edison – L’uomo che illuminò il mondo. La storia della competizione epica e spietata tra i due più grandi inventori dell’era industriale per stabilire quale dei due sistemi elettrici avrebbe dominato il nuovo secolo. Sostenuto da J.P. Morgan, Edison abbaglia il mondo illuminando Manhattan, ma Westinghouse, aiutato da Nikola Tesla, riuscì a individuare alcuni terribili difetti nel sistema a corrente diretta di Edison. Scatenando una vera “guerra di correnti” , Westinghouse e Tesla puntano tutto sul sistema a corrente alternata, una scelta rischiosa e pericolosa. Diretto da Alfonso Gomez-Rejon (Quel Fantastico Peggior Anno della Mia Vita) e scritto dal drammaturgo Michael Mitnick (“Sex Lives of Our Parents”), Edison – L’uomo che illuminò il mondo annovera nel cast anche Katherine Waterston, Nicholas Hoult, Tom Holland, Matthew Macfayden e Tuppence Middleton.

CRITICA
Da un lato c'è Benedict Cumberbatch nei panni di Edison, personaggio geniale e megalomane, pronto a tutto per far entrare il suo nome nella Storia, anche e soprattutto a contraddirsi e a contravvenire ai propri principi; dall'altro lato Michael Shannon, George Westinghouse, più silenzioso e posato, portatore di un approccio morale alla scienza e alla competizione, anche in virtù di un passato che lo ha drammaticamente già messo alla prova. Nonostante la distribuzione italiana, nella scelta del titolo, dia maggior risalto alla figura di Edison, sfruttando la maggior notorietà del suo interprete, non c'è dubbio che il film segua più da vicino la vicenda biografica di Westinghouse, che ne sottolinei la maggior umanità, e che Shannon offra, sotto i baffi, una performance più incisiva e romantica. (mymovies.it)