27/06/17

ON THE MILKY ROAD - SULLA VIA LATTEA



Venerdì d'essai

ven 30_6 ore 21.15


On the Milky Road - Sulla Via Lattea
GENERE: Drammatico, Sentimentale, Guerra
ANNO: 2016
REGIA: Emir Kusturica
ATTORI: Monica Bellucci, Emir Kusturica, Sergej Trifunovic, Bajram Severdzan
SCENEGGIATURA: Emir Kusturica
FOTOGRAFIA: Martin Šec, Goran Volarević
MONTAGGIO: Svetolik Mica Zajc
MUSICHE: Stribor Kusturica
PAESE: Serbia, Gran Bretagna, USA
DURATA: 125 Min




Trama
Primavera durante la Guerra. Ogni giorno un uomo trasporta il latte e attraversa il fronte a dorso di un asino, schivando pallottole, per portare la sua preziosa mercanzia ai soldati. Benedetto dalla fortuna nella sua missione, amato da una giovane donna del paese, tutto lascia pensare che un futuro di pace lo stia aspettando… fino a che l'arrivo di una misteriosa donna italiana sconvolgerà la sua vita completamente. Inizia così una storia di passione, di amore proibito, che farà precipitare i due protagonisti in una serie di fantastiche e pericolose avventure. Si sono uniti per caso e niente e nessuno sembra in grado di fermarli. 
La storia di On the Milky Road osserva da vicino l'amore tra due persone che non hanno più nulla da perdere. Il film è basato sul cortometraggio Our Life, scritto a quattro mani dal regista Emir Kusturica e da sua figlia Dunja. Il tema principale è la semplice storia d'amore tra un uomo (Emir Kusturica) e sua moglie (Monica Bellucci), che vivono in una zona montuosa della Serbia. Un film al contempo concettuale e violento. Un film d'amore e un film di guerra.

Recensione
Il cinema di Emir Kusturica è un caravanserraglio. Il cinema di Emir Kusturica è circo, teatro concerto, surralismo, provocazione, festa e superomismo. Il cinema di Emir Kusturica è terra e fuoco, maiali e oche, falchi e orsi, galline e serpenti, tromboni e pianoforti, chitarre e percussioni, bombe e fucili, carne e sangue, uomini e donne. E rakija, tantissima rakija. 
E, come in questo caso, guerra e amore. 

Assoluto, sfacciato, On the Milky Road si piazza davanti allo spettatore e non cede di un millimetro: anzi, avanza e aggiunge provocazione su provocazione (tanto sul piano del cinema che su quello della politica), accumula figure e situazioni e paradossi come vestiti su una poltrona che non hai mai voglia di mettere a posto nell'armadio, come le ciafrusaglie dentro quel cassetto nel quale nascondi le cose per dare una parvenza d'ordine. 

Dentro quel caos, che gestisce col piglio deciso e l'aria stropicciata del domatore di un circo scalcagnato, Kusturica sorprende: non solo evita che, tirato da mille parti, il film vada completamente fuori controllo e si chianti contro qualche roccia, su un albero o addosso a un mortaio, ma addirittura riesce a far emergere e distinguere come deve i due veri protagonisti della storia, il soldato-lattaio da lui stesso interpretato e la bella italiana che fa impazzire i maschi di Monica Bellucci. 

Mentre il caos gioioso del cinema e quello violento e spietato della guerra rischiano di renderli indistinguibili, il Lattaio e la Sposa trovano in un sentimento imprevisto e a suo modo disperato la forza di superare i traumi del loro passato, o almeno di tentare di farlo. 
Nel mondo di On the Milky Road, donne folli, uomini violenti e l'ingerenza delle grandi potenze straniere minano le aspirazioni alla tranquillità dell'uomo serbo, che vorrebbe vivere in comunione con una Natura che si rivelerà la sua salvezza, inseguendo al massimo l'aspirazione di un amore. 

La mano, ovviamente, è tutt'altro che fine. L'ideologia, se possibile, ancor meno. Il risultato, ambiguo e sbilenco. Esagerato soprattutto sul piano ideologico. Ma, detto questo, il barocchismo balcanico di Kusturica è così esagerato, il suo panteismo agreste così sfacciato e il suo surrealismo alcoolico così naif, che si finisce con l'essere trascinati - a tratti - dall'energia disordinata del film. Se solo Kusturica riuscisse a incanalarne meglio almeno una parte, come magari dimostrano un paio di immagini visivamente potenti e tutt'altro che arruffate che annegano nel film, e a potare un po' il cespuglio selvaggio del resto, chissà cosa potrebbe accadere. (Federico Gironi)

Approfondimenti
video
foto
scheda completa

Nessun commento:

Posta un commento