18/06/17

UN APPUNTAMENTO PER LA SPOSA

gio 22_6 ore 21.15

sab 24_6 ore 21.15

dom 25_6 ore 18.00 e 21.15



Risultati immagini
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Rama Burshtein
ATTORI: Noa Koler, Amos Tamam, Oz Zehavi, Oded Leopold, Jonathan Rozen
SCENEGGIATURA: Rama Burshtein
FOTOGRAFIA: Amit Yasur
MONTAGGIO: Yael Hersonski
MUSICHE: Roy Edri
PAESE: Israele
DURATA: 110 Min



Trama
Un appuntamento per la sposa ruota intorno all'assurda vicenda di Michal (Noa Koler), piantata dal promesso sposo Gidi poche settimane prima delle nozze. Invece di annullare i preparativi per la cerimonia, la trentaduenne ebrea ortodossa reagisce confidando nella fede che ha abbracciato dodici anni prima, convinta di riuscire a trovare, per intercessione divina, un sostituto marito entro la data stabilita: "ho il luogo, il vestito, l'appartamento. Dio mi troverà sicuramente un marito!". Inizia così la folle ricerca del partner ideale (o da un altro punto di vista, la fuga dalla condizione di single) attraverso una serie di incontri fortuiti e appuntamenti combinati, diretti a incontrare il "vero" amore, senza accontentarsi di un signor qualsiasi che aspetti all'altare vestito di tutto punto. Michal riesce a circoscrivere la rosa dei candidati a una famosa rock star di nome Yos (Oz Zehavi), il quale però non ha alcuna intenzione di osservare lo Shabbat, e all'affascinante professore Assaf, conosciuto quando la data ormai si avvicina. C'è anche il religioso Shimi (Amos Tamam), il proprietario della location del matrimonio, che sin dall'inizio osserva impaziente e divertito gli sviluppi dei deliranti piani di Michal. Resta ancora da dire che seppure gli uomini coinvolti si dimostrino interessati a lei, non è detto che accettino di sposarla con un così breve preavviso. Michal scopirà a sue spese che interpretare la volontà divina non è poi così semplice come pensava.

Recensione
Dopo La sposa promessa, la regista israeliana Rama Burshtein racconta un altra storia tutta al femminile, e tutta dentro il mondo dell'ebraismo ortodosso, incurante dei confronti col mondo esterno e delle possibili e miopi polemiche femministe legate alla storia di una ragazza che vuole e deve trovare un marito in 22 giorni. Grazie a degli attori bravissimi, e alla capacità di gestire con grazia ed equilibrio l'alternarsi del registro leggero e di quello drammatico, il film della Burshtein finisce col raccontare una storia inebriante, e molto più complessa e universale di quanto si potrebbe superficialmente essere portati a pensare. (federico gironi) 

Approfondimenti
video
foto
scheda completa

Nessun commento:

Posta un commento